Comune di Marittima provincia di Lecce Salento

verifica disponibilità su Marittima Marittima (Salento): Martedi 25 Luglio 2017, sono le 240»

Note sul Comune di Marittima in provincia di Lecce (Puglia, Salento)

 

IL VOSTO SOGGIORNO, LA VOSTRA VACANZA A LECCE (versante mar adriatico) CAPITALE DEL SALENTO: delle marine di Ugento e Santa Maria di Leuca. Otranto, Gallipoli IN APPARTAMENTI O RESIDENCE.

TUTTE LE OFFERTE E LE STRUTTURE (appartamenti o case vacanza in affitto) DISPONIBILI, CONFORTEVOLI E VICINE AL MARE O IN CAMPAGNA (con trulli o abitazioni rurali).

CONTATTATECI PER TUTTE LE INFORMAZIONI TURISTICHE O ALTRE UTILITÀ:STORIA, TRADIZIONI, PAESAGGIO, RITI, EVENTI. ED ANCHE PER RAGGUAGLI SUGLI AFFITTI O VENDITA DI IMMOBILI (case vacanza, appartamenti, residence). IL NOSTRO È UN'AIUTO ASSOLUTAMENTE GRATUITO.

 
NOTE STORICHE SULLA LOCALITÀ: MARITTIMA (Salento, Puglia).

Il suo toponimo non presenta difficoltà d'interpretazione. In esso gli storici hanno sempre visto un chiaro riferimento alla vicinanza del paese col mare. Di recente sono state avanzate anche altre ipotesi. Per alcuni i fondatori del paese sarebbero venuti dal mare, per cui furono detti "maritimi", da cui derivò il nome di "Maritima" al luogo da loro abitato; per altri invece i primi abitatori del paese furono dei pescatori dediti alla pesca e alle altre attività marinare. Scarse e frammentarie le notizie storiche riguardanti le origini di Marittima, Vittorio Boccadamo nel suo saggio, ipotizza che, al pari di altri centri limitrofi come Vaste, Castro e Diso, anche Marittima sia stata abitata un tempo dai Messapi prima e dai Romani dopo ed andò poi soggetta ai Bizantini, Normanni ed Angioni. La prima documentazione scritta è del XIII secolo. Dai registri Angioini risulta infatti che nel 1277 "Rubeo de Soliaco" fu nominato "Signore del Casale di Marittima" del Giustiziariato di Terra d'Otranto, ma si ignora con quale titolo egli l'ebbe in possesso. Altre notizie riguardano le scorrerie dei Turchi nel 1537 e nel 1573. Attualmente Marittima è un piccolo centro agricolo si basa sulla produzione di olive, cereali e tabacco. Le manifestazioni ricorrenti sono la festa e la fiera della Madonna di Costantinopoli. [testi e immagini tratti dal Sito della Provincia di Lecce]..

NUMERI Utili
MUNICIPIO: 0836/ 947005 - POSTE: 0836 - 943018 - BANCA: 0836 - 943491/943800 - FARMACIE: 0836 - 947008 - GUARDIA MEDICA: - OSPEDALE:
COSA VISITARE nella città di Andrano.

Importante esempio di città fortificata cinquecentesca e centro turistico-balneare, posto sulla costa Adriatica, distante circa 46 Km da Lecce.

Svariate sono le ipotesi circa le origini di Castro, e quasi sicuramente, esse sono legate alla presenza umana nelle sue grotte, la Romanelli e la Zinzulusa. Come centro urbano Castro si costituisce intorno al XVII-XVI sec. a.C. al tempo delle migrazioni liburno-illiriche e pelasgiche quando dal prospicente Epiro popolazioni provenienti dalla penisola balcanica mossero verso occidente. Fu abitata dai Messapi e dai Greci, dai quali derivò il nome di "luogo fortificato, rocca". Partecipò al fianco di Taranto, alla guerra contro Roma che vi dedusse una colonia nel 123 a.C. Alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente, rimase sotto il ontrollo di Bisanzio e subì numerosi attacchi ad opera dei Vandali, Longobardi e Ungari. La conquista normanna, che unificò il meridione d'Italia, e la successiva domunazione Sveva, la videro fiorente centro commerciale e sicuro caposaldo militare. Fu sede di contea dal 1103, con la famiglia degli Altavilla, al 1806; e sede di Diocesi dal 682 al 1818. In conseguenza delle devastanti incursioni dei pirati saraceni, tra la prima e la seconda metà del '500, Castro è stata progressivamente abbandonata per irnascere nella seconda metà di questo secolo come un importante centro di pescatori, artigiani ed operatori turistici.Le principali feste religiose e manifestazioni sono: Festa della Madonna Annunziata, 25 Aprile; Castro Estate, Sport, Spettacoli e Cultura, che si svolge dalla metà di Luglio alla fine di Agosto; Sagra del pesce, ultima settimana di Agosto. [testi e immagini tratti dal Sito della Provincia di Lecce].

Il castello, ricostruito nel XVI secolo su vecchie preesistenze fortificate di età angioina ed aragonese, è ubicato all'ingresso del centro storico. L'impianto planimetrico di forma rettangolare di dimensioni ( mt. 60x30 circa) organizzato attorno ad un ampio cortile interno, presenta due torri a pianta quadrata, a sud, una torre cilindrica del periodo aragonese, e un imponente bastione lanceolato prospiciente Piazza Perotti. Il castello, in gran parte diroccato, è attualmente in restauro.
Il monumento tombale della Famiglia Castromediano, feudatari di Cavallino, è collocato nella Chiesa della Vergine Assunta. Fu fatto erigere nel 1637 da Don Francesco Castromediano sopra una vecchia tomba; tre animali con testa di donna reggono un cenotafio sul quale si colloca un' epigrafe in latino e lo stemma gentilizio. Concludono il monumento barocco due colonne corinzie con semibusti in pietra di personaggi defunti.
Statua a Sigismondo Castromediano. Collocata nella Piazzetta Sigismondo Castromediano, è stata realizzata dal Bortone nel 1898. La composizione risulta ben articolata ed armonicamente inserita in un contesto di equilibrate facciate classiciste, che oggi appaiono completamente alterate da sopraelevazioni e sostituzioni. Si coglie, nell'intimismo scenografico con cui è descritta la figura dell'eroe-studioso, un vago sapore liberty, che lo allontana dal neoeclettismo solenne e magniloquente di opere successive. Ai piedi del monumento è situata la statua della libertà. Presenta un atteggiamento risoluto e raffigura una splendida figura di donna nuda.
La Marina di Castro è una delle più belle marine del Mediterraneo, caratterizzata da una scogliera frastagliata e un mare cristallino. Infatti, alla Marina di Castro è stata assegnata la Bandiera blu della CEE, per il mare pulito, ma anche per i servizi efficienti. Notevole è il fascino del mare, dagli incredibili colori, spesso cangianti, l'aspra bellezza della costa ora a strapiombo ed ora bassa e frastagliata, e il magico fascino delle grotte. .

COME SI ARRIVA A MARITTIMA (Lecce, Salento).

In automobile: in autostrada A/14 fino a Bari - superstrada SS 16 fino a Lecce, Via del Mare fino a San Cataldo e poi verso sud seguendo la litoranea.
In treno: Ferrovie dello Stato stazione di Lecce. Dalla stazione di Lecce in poi si può proseguire con il treno locale delle ferrovie Sud Est, oppure affidarsi all'autobus di Salentointrenoebus, servizio appositamente previsto dalla Amministrazione Provinciale di Lecce per il periodo estivo.
In aereo: dall'aeroporto di Brindisi "Papola-Casale" (60 km).
Da Roma, Napoli, Sicilia: Tutti i mezzi di trasporto e i numeri di telefono utili per arrivare nel cuore del Salento e ovunque nella provincia di Lecce (Puglia)... il vostro viaggio vacanza inizia con... >> visualizza informazioni

Basta una telefonata o una mail per organizzare il tuo arrivo a Lecce: 0833-607733

ALCUNE FOTO DI CASTRO.

FORM RAPIDO: Richiedi subito la disponibilità per la Tua Vacanza nel Salento!